Co-Living: È una comune hipster, un dormitorio per adulti o un nuovo modello di condivisione?

Prima c’è stato il co-housing, dove le persone si sono riunite e hanno costruito comunità intenzionali basate sulla condivisione di risorse e interessi. Poi c’è stato il co-working, che ha portato la cosiddetta sharing economy sul posto di lavoro: uno spazio di lavoro a pagamento per tutto il tempo di cui si ha bisogno. Ora c’è un nuovo co-kid sul blocco: il co-living. Non si tratta solo di un remake di “Friends”, dove le persone condividono un appartamento; nel co-living si tratta di un’attività commerciale, con una gestione professionale che gestisce lo spazio e lo offre su base mensile. Offrono lavanderia, servizio di pulizia e persino termostati Nest.

Potrebbe anche diventare un grande business, con un paio di startup che offrono spazi in città calde come San Francisco, New York e Londra, dove gli alloggi tradizionali sono costosi, difficili da trovare e spesso non soddisfano le esigenze delle persone di oggi. Come osserva Brad Hargreaves di Common, una startup di New York, su Inc:

La possibilità di vivere ovunque, invece di essere vincolati da contratti di affitto annuali in singole città e singoli edifici, riflette davvero il modo in cui le persone vivono e lavorano oggi. Non ci impegniamo in una carriera per tutti i 40 anni della nostra vita lavorativa. Passiamo da un lavoro all’altro, da un’attività all’altra, da una formazione tradizionale a una non tradizionale, da una startup all’altra. E noi vogliamo costruire un tipo di abitazione che lo consenta.

Hargreaves ha appena aperto un edificio a Crown Heights, nella zona trendy di Brooklyn. “Progettata per rendere la vita quotidiana confortevole e piacevole, questa residenza comune ha tutto ciò che serve per sentirsi a casa”. Include un tetto e un giardino privato. Gli interni non sono progettati, ma curati. È stato anche un successo immediato, con 300 persone che hanno fatto domanda per ottenere una delle 19 camere da letto dell’edificio.

Il sempre pungente Gawker pensa che sia un’idea terribile, visto che qui si può affittare un monolocale al prezzo di una camera da letto. L’affitto è di 1.800 dollari:

Un bell’affare! Naturalmente, se prendeste la strada tradizionale e antiquata di affittare il vostro appartamento, perdereste non solo la possibilità di conoscere 18 nuove persone che presto odiereste, ma anche l’opportunità di far parte del progetto di questa startup Common Living di “costruire ponti e relazioni con la comunità esistente che vive, lavora e gioca a Crown Heights”.

Non hanno tutti i torti. Si potrebbe guardare a questo progetto e notare che in realtà si tratta solo di un affittacamere di lusso, un altro modo per gli sviluppatori di spremere più soldi da una proprietà, affittando a stanze. A San Francisco, una società ha avuto problemi per aver convertito alberghi che servivano persone a basso reddito in “dormitori digerati” per ricchi lavoratori del settore tecnologico, senza rispettare gli standard comunali.

Ma qui c’è un’esigenza reale che viene soddisfatta. Sarah Kessler di Fast Company scrive di come affittare un appartamento non sia così facile a New York, dove i proprietari vogliono vedere due anni di dichiarazioni dei redditi e la prova che l’affittuario guadagna almeno 40 volte l’affitto, ovvero circa 100.000 dollari all’anno a New York. Ha provato a vivere in co-housing per sei mesi nella proprietà di un’altra startup, gestita da Campus, in parte finanziata dal cofondatore di Paypal Peter Thiel. La sua casa si è trasformata in una sorta di comune yuppie.

Siamo diventati una casa di nerd. Guardiamo insieme “Good Will Hunting” e parliamo di matematica. Un piccolo gruppo decide di fissare degli obiettivi ogni settimana – come esercitarsi a parlare in modo estemporaneo o studiare frasi in tedesco – e se tutti li raggiungono, vanno a mangiare una torta insieme.

Ma la Kessler si accorge che la condivisione di tutti questi elementi comincia a darle sui nervi. Non può andare in bagno senza dover fare due chiacchiere. E alla fine deve andarsene, perché il Campus è fallito: uno dei suoi problemi era che lasciava che gli inquilini intervistassero e rifiutassero altri potenziali inquilini, lasciando le stanze non occupate.

A Syracuse, New York, non esattamente un focolaio di attività come Londra, Commonspace offre un interessante mix di pubblico e privato. Si tratta della conversione di un edificio per uffici e di un tentativo di rivitalizzare il centro di una città della Rust Belt. Gli inquilini ricevono un micro-appartamento che comprende un piccolo angolo cottura e un bagno privato, ma appena fuori dalla porta dell’appartamento c’è un’ampia zona giorno comune e una grande cucina comune. Questo è forse il miglior compromesso: 300 metri quadrati di spazio privato con risorse condivise opzionali. È così che funzionava il modello originale di co-housing, dando alle persone la possibilità di scegliere.

È interessante che tutti questi progetti di co-living siano rivolti ai millennial in cerca di “alloggi alla moda su richiesta”. Probabilmente c’è un pubblico più numeroso e più ricco di single anziani che probabilmente amerebbero la “vita in comune per adulti”. Dimenticate la comune degli yuppie, vogliamo una comune dei boomer.

https://www.treehugger.com/co-living-hipster-commune-dorm-grown-ups-or-new-model-sharing-4867347


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Entra in Cohousing italia!

Iscriviti e conosci altre persone interessate a realizzare forme di abitare collaborativo, quali il cohousing ma anche il coliving e gli ecovillaggi, in Italia ed all'estero.

Cohousing Italia è il social network dell'abitare collaborativo. Mettiamo in contatto tra loro le persone interessate a realizzare cohousing, coliving ed ecovillaggi in Italia ed all'estero.