Cooperative di abitazione con “cessione d’uso”: Un nuovo tipo di accesso e interazione abitativa

Le divisioni sociali della crisi abitativa

Eva Ortigosa, Barcelona Metropolis – Ottobre 2023

Quando si parla di una cooperativa edilizia in regime di cessione d’uso, si parla di organizzazione collettiva. Le sue origini, la sua forma e le esperienze vissute al suo interno sono segnate da questo tipo di organizzazione, ed è uno dei pilastri di questo modello alternativo per godere di un diritto, ovvero il diritto alla casa. La casa è considerata un bene d’uso (non un investimento) basato sulla proprietà collettiva, sulla costruzione di comunità e sul sostegno tra pari.

L’organizzazione collettiva è stata una forza trainante per il cambiamento della nostra società in contesti avversi. L’ultimo decennio ha visto l’aumento della lotta per la casa in risposta alla violazione del diritto fondamentale ad avere un posto dove vivere. Le piattaforme e i sindacati si sono mobilitati per ottenere cambiamenti giuridici e, in questo contesto, sono emerse anche nuove alternative per l’accesso all’alloggio in uno scenario – eredità del secolo scorso in Catalogna e in Spagna – in cui il sistema di fornitura è stato governato dal libero mercato e in cui la proprietà privata è stata promossa come forma principale di proprietà e l’acquisto come mezzo per accedervi[1].

Le cooperative edilizie che utilizzano il modello della cessione d’uso hanno messo in discussione questo sistema e hanno proposto un nuovo sistema che capovolge questa logica: la proprietà sarà collettiva e le persone avranno il diritto di utilizzare l’unità abitativa su base fissa e indefinita nel tempo. Questo principio si è manifestato in Catalogna all’inizio degli anni Duemila, in particolare con la costituzione dell’associazione Sostre Cívic nel 2004 e della cooperativa Cal Cases, il primo esempio di cooperativa edilizia con cessione d’uso nato nel Paese. Successivamente, con il consolidamento di Sostre Cívic come cooperativa e le prime iniziative a Barcellona: Princesa49 (di Sostre Cívic) e la cooperativa La Borda. Da allora, le esperienze si sono moltiplicate in città e stanno crescendo anche in tutto il Paese. Oggi in Catalogna esistono più di cinquanta progetti di questo tipo, che coinvolgono più di mille unità abitative, sia in fase di sviluppo che di abitazione[2].

Principi di base: proprietà collettiva e diritto d’uso della proprietà

Rompendo con la logica della proprietà privata, le cooperative di abitazione con cessione d’uso presentano la proprietà collettiva come l’unica opzione possibile per il suo sviluppo. Per questo motivo sosteniamo l’organizzazione collettiva per l’esercizio del diritto a un alloggio dignitoso. Questa organizzazione collettiva prende la forma della costituzione di una cooperativa, che manterrà invariabilmente la proprietà dell’alloggio, mentre le persone associate alla cooperativa, cioè i suoi membri, avranno il diritto di utilizzarlo su base fissa e indefinita.

Pertanto, a differenza di altri sistemi di cooperative edilizie, la cooperativa manterrà sempre la proprietà e quindi il modello non potrà essere modificato per ottenere alloggi di proprietà privata. In altre parole, non è possibile realizzare profitti individuali e si impedisce la speculazione.

Oltre alla proprietà collettiva, il diritto d’uso è l’altro pilastro del modello. Consideriamo l’alloggio come un bene da utilizzare e non da investire, come un diritto e non come un elemento che può essere commercializzato. Pertanto, ci impegniamo a garantire che i partecipanti, in quanto soci della cooperativa, siano coinvolti sapendo che detengono il diritto di utilizzare l’alloggio su base fissa nel tempo e non sono soggetti alle logiche del libero mercato.

Le cooperative di abitazione basate sul modello della cessione d’uso prevedono anche una gestione comunitaria. Al di là del sistema di proprietà, questo si traduce nella partecipazione dei soci a tutto ciò che riguarda l’autosviluppo dell’alloggio, la costruzione a prezzo di costo, il sostegno tra pari, le dinamiche cooperative e tutte le esigenze collettive che ruotano intorno all’alloggio. E ciò che ruota intorno all’alloggio è la vita stessa.

Vivere con dignità e vivere collettivamente

La vita comunitaria può assumere diverse forme e questo modello abitativo le copre tutte. Dalle esperienze intenzionali, in cui la vita in comune è più marcata, ad altre in cui alcuni spazi comuni sono condivisi su base meno quotidiana. I progetti a volte nascono da un gruppo di persone con un interesse comune e fautori di un cambiamento di modello, mentre altri sono il risultato di persone che hanno bisogno di stabilità in un mercato degli affitti predatorio.

Questo tipo di abitazioni si sviluppa intorno a un edificio in cui le relazioni interpersonali sono al centro dell’attenzione e in cui gli spazi comuni integrano le singole unità abitative.

In ogni caso, la vita collettiva e l’organizzazione comunitaria sono l’essenza stessa del modello e il denominatore comune è la sfida di anteporre le esigenze collettive a quelle individuali. Questo richiede tempo e spazio per essere messo in pratica. In genere, il gruppo di persone che vive in questi alloggi si forma e si riunisce alcuni anni prima del trasferimento. Durante questi incontri, lavorano insieme per definire la loro visione del futuro dell’edificio e le dinamiche di coabitazione che desiderano instaurare. Pertanto, quando iniziano a vivere insieme, hanno già costruito le dinamiche comunitarie per contribuire alla vita collettiva.

“La tua casa è l’intero edificio”, così molti di noi che vivono in questo modo spiegano il modello, un’affermazione che lo racchiude efficacemente. Questo tipo di abitazione si configura come un edificio in cui le relazioni interpersonali sono al centro dell’attenzione, in cui gli spazi comuni integrano le singole unità abitative e in cui la comunità assume la forma di cene e incontri all’aperto per far funzionare la macchina collettiva. Anche se può sembrare insignificante, abbiamo visto quanto sia importante, dal punto di vista architettonico, prevedere spazi che favoriscano le relazioni interpersonali: ampi pianerottoli che invitano a soffermarsi, scale esterne che collegano gli spazi abitativi, lavatrici in spazi dove è facile incontrare i vicini… Progettare un edificio in questo modo è più vantaggioso di quanto si pensi. Affrontiamo l’isolamento e la solitudine; è più facile scoprire se un vicino ha bisogno di aiuto o semplicemente conoscere meglio i vicini.

E senza rendersene conto, anche la costruzione di progetti collettivi intorno all’edilizia abitativa contribuisce a cambiare il modello di città. L’organizzazione collettiva di cui stiamo parlando ci aiuta a partecipare alle iniziative esistenti nei quartieri, nei paesi e nelle città in cui viviamo. Così come ci organizziamo e festeggiamo a porte chiuse, lo facciamo anche all’esterno: partecipando ai piani comunitari, alle feste locali, alle organizzazioni che si battono per il diritto alla casa… Ci sono molti esempi di organizzazione territoriale a cui contribuiamo, basati sull’impegno al cambiamento portato da questo modello.

Sfide per la crescita

Le cooperative di abitazione in cessione d’uso costituiscono una realtà sempre più emergente e solida. Lo dimostrano i progetti esistenti e l’impegno di alcune amministrazioni comunali nell’assegnare terreni a cooperative no-profit che intendono sviluppare progetti. Tuttavia, sono ancora molti i passi da compiere per far sì che questo modello possa essere utilizzato da tutti e che possa crescere ai livelli di Paesi come la Germania e la Danimarca.

La principale difficoltà di accesso alle cooperative edilizie “a cessione d’uso” è il contributo iniziale di capitale sociale.

Come dimostra lo studio Assequibilitat econòmica de l’habitatge cooperatiu en cessió d’ús: diagnosi, reptes i propostes[3], [Affordabilità economica delle cooperative di abitazione in cessione d’uso: Assessment, Challenges and Proposals], sostenuto da diverse organizzazioni e prodotto da La Dinamo Fundació, la principale difficoltà di accesso a questo modello è il contributo iniziale di capitale sociale che l’utente deve versare alla cooperativa, rimborsabile in caso di cancellazione. Nei progetti in cui si acquisisce un edificio esistente, questi contributi finanziari sono molto più gestibili rispetto ai progetti di nuova costruzione, in cui è necessario assumersi l’intero costo della costruzione. Per citare delle cifre, si parla di circa 2.000 euro nei progetti in cui si deve solo ristrutturare l’edificio esistente, e di circa 25.000 euro nel caso di nuovi edifici situati nella città di Barcellona.

Questa è la principale barriera all’accesso, ma non l’unica. Nella maggior parte dei casi, la partecipazione a un progetto di questo tipo richiede un investimento di tempo che non tutti possono sostenere. La gestione collettiva, come è stato sottolineato, incoraggia la partecipazione dei membri, che avviene durante un processo di sviluppo molto lungo e, successivamente, durante la convivenza nell’unità abitativa.

La ricerca di modi per ridurre questo investimento di tempo nel lungo periodo è una delle questioni che Sostre Cívic sta sollevando. Come cooperativa che attualmente riunisce circa 25 progetti con più di 500 alloggi, combina lunghi processi di autosviluppo con altri più brevi, come è stato fatto con l’acquisizione di abitazioni attraverso l’esercizio del diritto di prelazione, previsto dal Decreto Legge 1/2015, relativo alle misure straordinarie e urgenti per la mobilitazione di abitazioni derivanti da processi di pignoramento. Questo approccio non solo rende il modello più accessibile e quindi più diversificato, ma affronta anche il fondamento di uno dei suoi pilastri: la lotta alla speculazione. Queste acquisizioni mobilitano alloggi inutilizzati di proprietà di istituzioni finanziarie e disabitati da anni, che vengono trasferiti alla società civile organizzata in modo cooperativo, accessibile e trasformativo.

Questo modello alternativo è qui per restare, si è rafforzato negli ultimi anni e affronta la sfida di continuare a crescere superando gli ostacoli sul suo cammino. Si è strutturato e si sta rafforzando, garantendo che la sua proposta di trasformazione raggiunga un numero sempre maggiore di persone e rendendola più inclusiva e rappresentativa della diversità sociale.

 

Note:
[1] Les claus de l’habitatge cooperatiu en cessió d’ús [Le clausole della cessione d’uso delle cooperative di abitazione]. Sostre Cívic. https://ow.ly/f3OQ50P3f39
[2] Osservatorio delle cooperative di abitazione. Llargavista, 2022.
[3] Assequibilitat econòmica de l’habitatge cooperatiu en cessió d’ús: diagnosi, reptes i propostes. La Dinamo Fundació, 2021. via.bcn/lgMq50PcFoE

Fonte: https://www.barcelona.cat/metropolis/en/contents/cession-use-housing-cooperatives-new-kind-housing-access-and-interaction


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Entra in Cohousing italia!

Iscriviti e conosci altre persone interessate a realizzare forme di abitare collaborativo, quali il cohousing ma anche il coliving e gli ecovillaggi, in Italia ed all'estero.

Cohousing Italia è il social network dell'abitare collaborativo. Mettiamo in contatto tra loro le persone interessate a realizzare cohousing, coliving ed ecovillaggi in Italia ed all'estero.