Dal socialismo alle palestre private: il co-living è diventato mainstream e sembra una benedizione mista

Una serie di nuove iniziative immobiliari sta trascinando il comunitarismo fuori dai margini. Ma si può davvero dare un prezzo alla comunità?

di Mim Skinner, The Guardian – 29 agosto 2023

Il co-living è in aumento, con sviluppi ad occupazione multipla in arrivo in una grande città vicino a voi. Conosciuta anche come casa-alveare, l’edilizia residenziale è suddivisa in piccole unità private, ancorate da spazi condivisi più ampi; è la cugina commerciale del più stupido, e meno popolare, comune.

In un rapporto dell’anno scorso, l’agenzia immobiliare Savills lo ha definito “un mercato destinato a una crescita enorme”. Secondo l’agenzia, all’epoca erano in cantiere 24.000 unità in tutto il Regno Unito, che hanno attirato milioni di sterline di investimenti.

A prima vista, queste comunità gestite da sviluppatori sono simili ai progetti di co-housing, che sono cresciuti in popolarità negli ultimi anni. Sviluppi come New Ground a Chipping Barnet, a nord di Londra, una comunità di co-housing completata nel 2016 esclusivamente per donne over 50, Chapeltown Co-housing a Leeds o Marmalade Lane a Cambridge.

In apparenza, entrambi i concetti condividono l’idea di vivere in modo più ecologico e connesso condividendo gli spazi. Ma nella pratica sono spesso molto diversi. Nel settore del co-living, orientato al profitto, è molto più probabile vedere un marketing incentrato sul lusso e sul benessere piuttosto che sull’equità o sull’impatto delle emissioni di carbonio. La connessione fa parte dello stile di vita che si sta acquistando.

Oltre agli spazi abitativi condivisi, gli operatori pubblicizzano palestre, bar e persino un programma di attività sociali per i potenziali inquilini che sperano di trovare una comunità immediata. Ma per chi, come me, fa parte del movimento comunitarista britannico di lunga data, questa rivisitazione capitalistica della città giardino è un po’ difficile da digerire. La rete di utopisti, attivisti e anticonformisti del Regno Unito ha lavorato a lungo e duramente per raggiungere uno stile di vita che ora queste aziende sostengono di poter vendere a un canone mensile. E per di più piuttosto salato.

L’affitto mensile della comunità The Collective, il più grande operatore londinese di co-living con 500 unità abitative, parte da 2.028 sterline per un appartamento con un solo letto di soli 29 metri quadrati. Anche se vi aggiungono gratuitamente lo yoga e i laboratori di uncinetto mentale, si tratta comunque di una cifra esorbitante.

Le due “comunità intenzionali” di cui ho fatto parte, ultimamente la fattoria comunitaria nella contea di Durham dove abbiamo vissuto per il primo anno di vita di nostra figlia, sono state concepite all’insegna dell’autosufficienza e del socialismo, fornendo alloggi di emergenza dalla nostra stanza degli ospiti e progetti alimentari dal salotto.

Credo che sia per questo che l’esplosione del co-living commerciale sia un po’ dolorosa. Perché per noi vivere in questo modo non è un’opzione facile. Avevamo riunioni settimanali e discussioni difficili sulla finanza comunitaria. C’era sempre qualcuno che ci aiutava a badare al nostro bambino quando avevamo bisogno di una pausa, ma significava anche che dovevamo affrontare le decisioni quotidiane, come cosa mangiare o quando accendere il riscaldamento, con altre due coppie.

Il movimento del co-living è riuscito a trascinare il comunitarismo fuori dai margini. Grazie agli investimenti e alla scalabilità, ha reso accessibile alle masse la riduzione delle emissioni di carbonio e la collaborazione della vita in comune. Ma con il suo orientamento al profitto, rischia anche di riportare in auge il tipo di abitazioni monolocali di scarsa qualità che decenni fa era stato giustamente eliminato per legge. “Se fatto male”, dice Penny Clark, fondatrice del gruppo di consulenza Conscious Co-Living, “diventa un modo per le aziende di ficcare le persone in stanze sempre più piccole, avere una sala comune e dare loro la pizza gratis il venerdì – e poi sbattere la parola ‘comunità’ sul sito web”.

I millennial affamati di tempo, soli o oberati di lavoro sono un mercato target ovvio. In realtà, si tratta di un mercato misto. L’anno scorso ho girato il Regno Unito alla ricerca di modi più equi e connessi di vivere. Ho visitato startup di co-living e ne ho trovate di buone e di scadenti. Alcune sono finite sotto accusa per la vendita di spazi ridotti e per gli sfratti ingiusti.

Ma ci sono state anche diverse occasioni in cui ho dovuto respingere il mio scetticismo. Jenna, che si è trasferita dal Canada al Mason and Fifth’s Italian Building nel Regno Unito, mi ha detto che “avere questa comunità immediata mi ha fatto amare Londra”.

Per Clark, il cui compito è quello di guidare gli sviluppatori sulle migliori pratiche, l’adozione commerciale di una comunanza può essere vista in due modi. Da un lato, si tratta di una “comunità mercificata, ma dall’altro è un alloggio che riconosce che abbiamo bisogno di relazioni sociali e che la solitudine è un problema enorme. È un’abitazione che dimostra che dovremmo dare più valore ai nostri legami sociali e a una vita a basse emissioni di carbonio che ai beni e alle grandi quantità di spazio privato”.

Quando Jenna parlava di “comunità istantanea”, non si riferiva al programma di eventi o allo spazio condiviso. Si trattava di tutto ciò che i singoli individui portavano in quello spazio: le torte preparate, le competenze condivise, le conversazioni.

Certo, si possono vendere strutture che rendono più facile il fiorire della comunità. Si possono riprogettare le case per far pendere la bilancia verso la connessione. Ma senza che le persone si diano da fare, questi sono solo condomini con buone relazioni pubbliche. Si può costruire l’alveare, ma alla fine sono le api a fare il miele.

Fonte: https://www.theguardian.com/commentisfree/2023/aug/29/socialism-private-gyms-co-living-mainstream-developments-community

Entra in Cohousing italia!

Iscriviti e conosci altre persone interessate a realizzare forme di abitare collaborativo, quali il cohousing ma anche il coliving e gli ecovillaggi, in Italia ed all'estero.

Cohousing Italia è il social network dell'abitare collaborativo. Mettiamo in contatto tra loro le persone interessate a realizzare cohousing, coliving ed ecovillaggi in Italia ed all'estero.