Cosa sono le houseboats

Un pò di storia

Le case galleggianti sono apparse negli Stati Uniti nel 1905 e nel 1930 il loro numero superava le duemila unità. I numerosi laghi del Paese hanno contribuito allo sviluppo del turismo e all’aumento del numero di case galleggianti. Con lo sviluppo dell’industria, alberghi galleggianti, negozi e persino banche aprirono le porte delle case galleggianti.

 In Europa, le prime case galleggianti sono state i pontoni con una struttura a strati utilizzati per l’abitazione. A volte, la scelta di una casa sull’acqua era motivata dalle alte tasse fondiarie, dalla mancanza di terreni o dal loro costo elevato nelle grandi città. Interi villaggi costituiti da case galleggianti sono apparsi in vari Paesi europei, come in Inghilterra, Francia, Paesi Bassi e Germania. Le più belle case sull’acqua si trovano sui canali di Amsterdam e le più moderne in Germania.

Terminologia e classificazione

Non esiste una classificazione unificata per le case galleggianti, ma per una più facile comprensione possono essere suddivise nei seguenti gruppi:

  • Floating House (FloatHouse, Floating House) è una casa non motorizzata costruita su un pontone massiccio in cemento o acciaio. Spesso vengono trasportate da rimorchiatori. È più vicina ad una casa che ad una barca.
  • House Boat (HouseBoat, CanalBoat, CamperBoat) – è una casa motorizzata, che combina la mobilità di una barca con il comfort di una casa, costruita in acciaio, alluminio, talvolta plastica. È più vicina ad una barca che ad una casa. In base al tipo di scafo, le houseboats possono essere monoscafo e multiscafo (doppio scafo, triplo scafo).  In Europa le houseboats hanno la classificazione CE e la tipologia D (acque interne) o C (acque esterne).
Foto di House Boat
Foto di Floating House

Mercato internazionale delle case galleggianti

In Europa, le case galleggianti sono diventate popolari come alternativa più economica alle abitazioni normali. Nella maggior parte dei casi si tratta di houseboats in forma di chiatte ricostruite per essere abitate (Inghilterra, Francia, Olanda) o di floating houses ultramoderne, costruite per lo più su fondamenta galleggianti in cemento (Germania, Olanda).

Negli Stati Uniti, a causa della presenza di numerosi laghi, le case galleggianti sono utilizzate soprattutto per i fine settimana e per i viaggi, quindi sono quasi sempre motorizzate. Gli americani non si preoccupano molto del design, per cui una tipica casa galleggiante americana sembra un grande “garage galleggiante” pieno di mobili ed elettrodomestici. Scafo in alluminio, telaio in legno, pannelli a sandwich, arredamento interno in compensato. Di solito sono larghe fino a 5,5 metri, in modo che sia facile trasportarle con rimorchi da un lago all’altro. 

Chiaramente le case galleggianti sono prodotte anche in Cina, come ogni cosa. E, per contenere i costi, a questo mercato intendiamo rivolgerci. 

Design delle case galleggianti

La casa galleggiante è sostanzialmente una piattaforma con sopra una casa prefabbricata. E’ composta da una base galleggiante e dal modulo abitativo nella parte superiore. La base galleggiante è realizzata in moduli di plastica nelle opzioni più economiche o in alluminio in quelle più costose. L’acciaio da costruzione navale viene utilizzato se la base deve resistere al congelamento nel ghiaccio. I tipi più comuni sono monoscafo (come una barca) o doppio scafo. I moduli abitativi sono solitamente costituiti da un telaio dotato di isolamento rivestito in compensato o altri materiali, a seconda del budget. Le finiture dipendono dalle preferenze e dal budget.

Nelle houseboats, lo scafo ospita solitamente i motori, i serbatoi del carburante e i sistemi di ingegneria, a seconda del livello di comfort richiesto. Nelle opzioni più economiche si utilizzano i motori fuoribordo, in quelle più costose i motori fissi. Come forza motrice vengono utilizzati rotori o eliche a getto d’acqua. Si ritiene che le eliche a getto d’acqua siano più sicure in acque poco profonde, poiché non c’è il pericolo di piegare i rotori. La postazione di controllo è solitamente situata nella parte anteriore della casa galleggiante, ad esempio nel soggiorno. A volte una seconda postazione di controllo è collocata al secondo piano. Nelle floating houses invece, non sono presenti nè motori nè postazioni di guida. 

Per chi è una casa galleggiante?

Per tutti. Innanzitutto, una casa galleggiante può servire come seconda o addirittura come prima e unica casa. Una casa galleggiante ottimizzerà le vostre risorse di tempo ed emotive. Perchè potrete vivere in un vero cohousing come quelli del Nord Europa  così difficile da realizzare in Italia.  

Non si tratta solo di una casa perfettamente funzionante, ma anche di uno stile di vita entusiasmante, ricco di conoscenze interessanti, indipendenza e viaggi. Se si sceglie la houseboat, oltre ad essere una casa è  anche uno yacht fluviale completamente adeguato, adatto a lunghi viaggi con il comfort di una casa. In ogni momento potrete cambiare ambiente, fare nuove conoscenze e godervi  la bellezza dei fiumi e dei laghi senza cambiare luogo di residenza: la vostra casa sarà sempre con voi. Poi può anche essere una soluzione comoda per chi ama la pesca e persino la caccia. E può anche  diventare un ufficio mobile: i vostri clienti apprezzeranno un ufficio poco ortodosso sull’acqua con una bella vista.