Come funziona il cohousing

Vivere in un cohousing

Vivere in un cohousing è appagante, gioioso, ricco e sostenibile. Il cohousing ci permette di conoscere i nostri vicini, di avere rapporti più stretti e di collaborare con altri che condividono i nostri valori. Sono queste le cose che ci hanno portato a vivere in un cohousing.

Stile di vita

Il cohousing non è solo architettura e consenso. Il cohousing è una scelta di vita che promuove la connessione, la comunità, la condivisione e l’unione. La cultura del cohousing è additiva. Nel cohousing l’individuo è valorizzato insieme al gruppo e come parte di esso. Siamo consapevoli che il gruppo può guadagnare senza togliere nulla all’individuo. La condivisione è valorizzata insieme allo spazio privato. Ci rendiamo conto che più spazio condiviso significa meno bisogno di spazio privato, anche se apprezziamo le nostre case private e la nostra indipendenza. Poiché viviamo all’interno di una cultura più ampia definita dai bisogni individuali e dalla privacy, tendiamo a parlare soprattutto dell’abbondanza della condivisione e della gioia di essere connessi in modo integrale a una comunità. Sappiamo che il cambiamento di cultura può essere impegnativo e richiede l’apprendimento di nuove competenze per relazionarci gli uni con gli altri, competenze che poi portiamo con noi ovunque andiamo, rendendo così più forti tutte le nostre comunità.

Esprimiamo la nostra cultura nelle attività quotidiane, che col tempo diventano uno stile di vita così naturale da farci dimenticare che si tratta di un’attività insolita nel nostro Paese. Nelle pagine collegate di seguito troverete le storie di come il nostro stile di vita rende le nostre vite abbondanti e gioiose.

Mangiare insieme
Condividere i pasti è una gioia per tanti motivi. Risparmiare tempo e risorse è solo l’inizio. Più importante è la condivisione di idee, storie, risate e vita.

Eventi
Vivere in cohousing significa tendenzialmente guidare meno. Uno dei motivi è che in casa tendono ad accadere così tante cose che c’è meno bisogno di andare in altri posti. Gli eventi possono essere piccoli o grandi, movimentati o tranquilli, divertenti o informativi, ricorrenti o meno. Alcuni eventi riescono in qualche modo a essere tutte queste cose insieme in quella particolare meraviglia che è la comunità.

Momenti da marciapiede
Quando i cohousers parlano di “rimanere bloccati nel traffico” mentre vanno a trovare un vicino, non si riferiscono al traffico automobilistico. Si sono semplicemente imbattuti in una conversazione significativa lungo il sentiero. Queste interazioni accidentali, che il cohousing è progettato per incoraggiare, si rivelano essere alcune delle conversazioni più significative che avvengono in comunità.

Orti
Anche se tecnicamente non fa parte del cohousing, ogni comunità sembra trovare un modo per fare l’orto. I singoli hanno orti privati, le comunità condividono gli orti e, in ogni caso, i prodotti coltivati finiscono in molte pance.

Vita ecologica

Chiunque di una certa generazione è cresciuto con le tre R per salvare il pianeta. Ridurre. Riutilizzare. Riciclare. Il cohousing rende questa formula più facile e divertente.  Come ogni altra cosa in cohousing, facciamo le tre R insieme. È incredibile quanto sia più facile condividere ed evitare gli sprechi quando le persone che conosci meglio sono anche quelle che vivono accanto e di fronte. Dalla pulizia del cassetto dei prodotti prima di una vacanza alla ricerca di una nuova casa per quel gadget da cucina mai usato o alla gita al centro di riciclaggio per gli oggetti difficili, la collaborazione aumenta l’efficienza e aggiunge un volto amichevole e una chiacchierata tra vicini al processo. Vincere. Vincere. Vincere.

Riusare
I vicini riutilizzano gli oggetti degli altri con facilità e gioia. Gli elettrodomestici usati meno frequentemente, come spremiagrumi, disidratatori e macchine per la pasta, vengono scambiati. Il vecchio maglione di una persona diventa la nuova sciarpa di una magliaia. I puzzle passano da casa a casa a casa comune. Può capitare di vedere un vestito indossato da quattro o cinque bambini diversi in altrettanti anni, portando con sé il ricordo di ogni bambino di quella taglia.
Riciclare
Il riciclaggio non è un’esclusiva del cohousing, ma tende a essere più rigoroso. Molte comunità usano aree comuni per raccogliere oggetti riciclabili e hanno volontari che portano gli oggetti dove devono andare. Si aiutano a vicenda a ricordare gli eventi di riciclaggio della città e possono raccogliere un carico di oggetti da portare tutti insieme.

Ciclo della vita

Si dice che l’unica costante della vita sia il cambiamento. Il cohousing supporta ogni fase con la sinergia di una comunità tradizionale che è stata progettata proprio per questo. La vita è molto diversa a 7 anni rispetto a 77 anni. I genitori si muovono con un ritmo diverso rispetto ai giovani single. La capacità del cohousing di rendere la vita più gioiosa in ogni fase rafforza l’idea che la comunità è un bisogno umano fondamentale. La ricerca ci dice sempre di più che le persone in tutte le fasi della vita traggono beneficio dai tipi di impegno che il cohousing favorisce. Dai bambini piccoli che assaggiano per la prima volta la libertà agli anziani che rallentano e si godono la vita in pensione, tutti in cohousing hanno l’opportunità di dare e ricevere, di imparare e crescere. In queste pagine esploreremo come i cohousers ottengono il massimo da ogni fase della vita.

Bambini e ragazzi
Il cohousing è un mondo idilliaco per bambini e ragazzi. I bambini più piccoli sperimentano una maggiore libertà grazie ai percorsi pedonali e ai numerosi occhi degli adulti che rendono sicura la loro permanenza all’esterno. I ragazzi possono riunirsi e fare “cose da adolescenti” nella casa comune e godere anche di opportunità di guadagno nel prendersi cura degli altri. I ragazzi di un cohousing tendono ad avere rapporti con persone di tutte le età e a sentirsi a proprio agio nel parlare con gli adulti. Quando esplorano vari hobby, è probabile che qualcuno nella comunità sia disposto e in grado di far loro da mentore.

Singles
Il cohousing affronta molte delle sfide che i singles devono affrontare negli ambienti tradizionali. La solitudine viene risolta grazie alle numerose opportunità di impegno sociale. I pasti comuni rappresentano un’alternativa alla cucina individuale. Gli accordi tra coinquilini sono comuni nel cohousing, il che può portare a una vita più economica.

Genitori
I genitori sanno che per crescere un figlio ci vuole un villaggio, e nel cohousing ne hanno uno. “Uscire a giocare” è un’ottima opzione anche per i bambini più piccoli. Le uscite di gioco, pianificate o improvvisate, avvengono senza dover guidare fino a casa di un amico. I fratelli che si stancano l’uno dell’altro trovano altri bambini con cui giocare o spazio per sparpagliarsi nelle aree comuni. Il car pooling per le attività o le attività di gruppo nella comunità possono ridurre la sensazione di essere sempre di corsa. E soprattutto, c’è un senso di sostegno da parte della comunità, sapendo che non si è gli unici a preoccuparsi dei propri figli.

Anziani
Il gruppo di popolazione in più rapida crescita nel cohousing, gli anziani sperimentano molti benefici della vita comunitaria. I pensionati hanno più tempo da dedicare a tutto ciò che la comunità offre. Coloro che non sono in grado di guidare possono usufruire di molte attività in loco e di un facile car pooling per raggiungere altre attività. Il cohousing elimina uno dei maggiori pericoli per la salute nell’invecchiamento: la solitudine.

Gestire un cohousing

Mentre ci godiamo tutto ciò che il cohousing ha da offrire, siamo consapevoli che una comunità è un sistema complesso di molte parti in movimento, ognuna delle quali prospera al meglio con l’attenzione e la manutenzione appropriate. I cohousing hanno progettato sistemi e strutture di autogestione per decenni. Imparare gli uni dagli altri rende le nostre comunità più forti ed efficienti. Le comunità di successo ruotano attorno all’assistenza. Sebbene i numerosi elementi dell’assistenza si intersechino e si sovrappongano, li abbiamo organizzati in quattro categorie.

Condividere

La condivisione è un’idea centrale del cohousing e uno dei modi in cui riduciamo l’uso delle risorse e creiamo legami con i nostri vicini, di solito allo stesso tempo. Nella cultura del cohousing, è chiaro che ridurre la proprietà individuale delle cose materiali e investire tempo e denaro nel bene comune ci rende più ricchi nei modi che contano: relazioni, salute e ambiente.

Pasti comuni
Per molte comunità, il dare e ricevere buoni pasti, il mangiare, il parlare e il ridere insieme costituiscono il fondamento della relazione. I pasti comuni si riferiscono alle comunità che mangiano insieme. Il più delle volte una squadra di due o tre persone cucina per l’intera comunità. Questo dare tempo e talento e ricevere cibo crea un’abitudine a dare e ricevere che si diffonde ad altri aspetti della comunità.

Programmazione. Esistono diversi approcci per programmare i pasti comuni. La maggior parte delle comunità ha un programma standard, ma è possibile anche una forma libera. 1. Stabilire i giorni della settimana. Ad esempio, il martedì alle 18.00, oppure il martedì con un piatto, la domenica con una cena preparata. 2. Tutti gli altri giorni, tranne il sabato: Lunedì, mercoledì, venerdì una settimana, domenica, martedì, giovedì la successiva. 3. Variazione di orario: Ad esempio, una domenica sì e una no, un brunch invece di una cena. 4. Variazione: Ogni cuoco sceglie la data e l’ora del proprio pasto.

Condividere la cucina e la pulizia. Trovare il modo di dividere il lavoro dei pasti comuni è complicato. Alcune persone amano cucinare, altre no. Alcuni sono felici di pulire ogni volta che è necessario, altri preferiscono fare la spesa. Alcuni vogliono partecipare ai pasti comuni, altri no. Le comunità affrontano queste differenze in molti modi diversi. Nella maggior parte dei casi la spesa viene fatta dal cuoco principale. In alcune comunità si utilizza anche una dispensa o un orto comune. Alcuni approcci comuni: Ogni adulto della comunità svolge un turno in ciascun ruolo a rotazione: cuoco principale, aiuto cuoco e addetto alle pulizie; I membri si offrono volontari per i ruoli di cuoco principale, aiuto cuoco e addetto alle pulizie; L’aspettativa è che ogni partecipante al programma pasti cucini ogni sei pasti o pulisca/assista ogni tre, in base alla partecipazione; Ogni cuoco principale riunisce una squadra per assistere e pulire; Altri membri si offrono volontari per occuparsi dei figli di cuochi, assistenti e addetti alle pulizie.

Condividere i costi. Ci sono molti approcci alla condivisione dei costi per i pasti, e molto dipende da come le comunità partecipano e si organizzano per condividere il lavoro. Alcuni piani richiedono molto più lavoro di altri. Di seguito è riportato un elenco di approcci comuni. Ogni cuoco principale fornisce il pasto. Non c’è passaggio di denaro; Viene raccolto un importo fisso per persona, per pasto, e i cuochi vengono rimborsati fino a un budget stabilito; I cuochi stabiliscono un budget per gli ingredienti del pasto. I soci conoscono il budget e il menu quando si iscrivono e pagano per pasto; I cuochi consegnano le ricevute entro un limite stabilito. Il totale viene diviso tra i partecipanti al pasto; Nella maggior parte delle comunità, ai bambini viene applicata una tariffa diversa. Alcuni esempi sono: La tariffa per i bambini è la metà di quella per gli adulti; La tariffa per bambini si applica ai bambini sotto i 13 anni; I pasti per i bambini sotto i tre anni sono gratuiti; Nessun costo per i bambini. I genitori offrono un pasto una volta al mese come “ringraziamento”; Nella maggior parte delle comunità, gli ospiti pagano come i membri.

Parcheggi
Il parcheggio del cohousing si trova sul perimetro della proprietà. Ciò consente di creare aree pedonali intorno alle case e di avere interazioni accidentali quando le persone camminano tra le loro case e le auto. Quanto parcheggio? Meno di quanto si possa pensare. Quando si formano le comunità, la maggior parte di esse costruisce un parcheggio “minimo previsto dal codice”, ovvero il numero di posti auto richiesto dal Ccomune. Quando le persone vivono in cohousing, tendono a scoprire che hanno bisogno di meno auto di quanto si aspettassero. Le persone tendono a guidare meno e a condividere maggiormente i veicoli, riducendo così il bisogno di parcheggi. L’aumento del fabbisogno di parcheggi può verificarsi se il numero di conducenti che vivono in comunità aumenta a causa dell’aggiunta di coinquilini, di bambini che diventano adolescenti, ecc.

Crediti: Testo tratto da Cohousing