Le scuole di architettura di Roma aiutano a riutilizzare e ristrutturare gli alloggi pubblici

All’inizio di quest’anno, il Ministero delle Infrastrutture italiano, sostenuto dal Recovery Fund dell’Unione Europea, ha annunciato una gara pubblica di progettazione per progetti di rigenerazione urbana che migliorino “la qualità della vita”. È stata un’opportunità tempestiva per le autorità romane di affrontare la crisi abitativa della città, in cui i prezzi di mercato sono esorbitanti e gli alloggi pubblici sono disperatamente scarsi.

di Marina Engel, Common Edge – 15/11/2021  (Traduzione di Marco Giustini – Licenza Creative Commons BY-NC-SA)

Luca Montuori, l’Assessore all’Urbanistica del Comune di Roma, ha collaborato con le scuole di architettura locali su tre schemi abitativi che sono stati tutti premiati. Due proposte sono di particolare interesse: la ristrutturazione del Porto Fluviale, una casa popolare multiculturale nel centro di Roma, e la riabilitazione di un complesso di case popolari del 1980 a Tor Bella Monaca, il quartiere più povero della città.

Porto Fluviale

Circa 10.000 persone occupano alcuni dei molti edifici abbandonati di Roma. Nel 2003, una folla di circa 200 persone ha sfondato i cancelli di un magazzino militare abbandonato, di proprietà del Ministero della Difesa. Questo edificio a forma di C, lungo un isolato, da allora è stato occupato abusivamente. Oggi è la casa di 56 famiglie di 13 nazionalità, principalmente sudamericani, nordafricani e italiani. Un po’ straordinariamente, i residenti hanno superato le differenze culturali e religiose per auto-organizzare l’edificio come un collettivo. Hanno restaurato la struttura, costruendo case per ogni famiglia ai piani superiori, con spazi comuni al piano terra e un grande cortile interno. Nonostante le costanti minacce di sfratto, lo squat ha aperto le sue porte al quartiere e ha offerto una serie di servizi sociali e attività culturali.

La nave dei palazzinari, di Blu. Foto di Francesco Careri (2015).

Porto Fluviale si trova vicino alla ferrovia nel quartiere Ostiense, una zona industriale in rapida gentrificazione che è ora uno dei quartieri più trendy della capitale. Come raro squat nel centro di Roma, si erge a simbolo di un movimento abitativo popolare che ha, per ora, sconfitto la speculazione immobiliare. Ironicamente, l’edificio è anche una delle principali attrazioni turistiche della zona. Un decennio fa, Blu, un famoso artista di strada, ha dipinto sopra l’austera facciata grigia, trasformando 50 finestre su tre piani in occhi scintillanti, in un assortimento di enormi facce color arcobaleno che si affacciano sulla strada e alludono alla comunità multiculturale all’interno. Su una parete laterale, l’artista ha disegnato una nave gigante che brulica di immobiliaristi sotto l’attacco degli occupanti.

Una barca galleggiante è appesa sopra l’ingresso dell’edificio, un simbolo appropriato per il collettivo e il prodotto di una residenza scolastica estiva organizzata dal Laboratorio Arti Civiche. Diretto da Francesco Careri della scuola di architettura dell’Università Roma Tre, il laboratorio lavora da anni con il collettivo, aiutandolo ad aprirsi al quartiere, mentre gli studenti studiano forme auto-organizzate di vita comune. Careri e Fabrizio Finucci, un collega, hanno guidato il team di Roma Tre, ideando una proposta di riuso adattivo, Porto Fluviale RecHouse. Lavorando con il Comune e altri partner locali, l’obiettivo è quello di ristrutturare l’edificio e fornire alloggi legali ai suoi abitanti, preservando l’identità unica di Porto Fluviale e il rapporto con il quartiere. La lunga affiliazione di Roma Tre con i residenti ha aiutato a facilitare un processo di pianificazione partecipata e una collaborazione di co-design.

Foto aerea di Porto Fluviale. Collage infografico di Leroy S.P.Q.R.DAM (2021).
.

Il team di costruzione ha impostato uno schema di rotazione per i residenti in modo che le famiglie possano rimanere sul posto per tutta la durata dei lavori. I disegni semplici fanno eco alle unità auto-costruite dei residenti ai piani superiori che favoriscono configurazioni flessibili, con mezzanini per lo spazio aggiuntivo. Porte scorrevoli dividono camere da letto di varie dimensioni, con soffitti alti, simili a loft, che si aprono su lunghi corridoi, un tempo utilizzati per la distribuzione delle merci. I resti del passato industriale dell’edificio sono stati conservati, compresa la struttura originale in cemento armato Hennebique, le grandi finestre industriali, le travi di cemento a vista sul soffitto e i binari dei macchinari sul pavimento. Una nuova facciata permeabile si collega al quartiere con grandi finestre di vetro che sostituiscono le persiane al livello della strada per rivelare alcune delle attività del collettivo: studi di artigianato, laboratori di circo e danza, così come un’officina per biciclette che si collega alle nuove piste ciclabili. Il cortile interno fornisce una rara piazza pubblica per la comunità locale. Oltre a un parco giochi e alle strutture sportive, ospiterà anche servizi per gli anziani, un centro per le donne vittime di violenza, laboratori digitali e una sala studio Roma Tre 24/7.

E la terrazza, dotata di nuovi pannelli fotovoltaici, diventerà un giardino pensile.La proposta di RecHouse è stata premiata con 11 milioni di euro per un progetto, co-progettato con i residenti del collettivo, che realizza diverse cose: salva e riutilizza un edificio storico, fornisce alloggi a basso costo ai residenti che ne hanno bisogno e contribuisce alla coesione sociale del quartiere. Come risultato, RecHouse è stata citata come una delle 15 migliori proposte. Si spera che serva come un modello praticabile per molti degli edifici abbandonati di Roma e un esempio di forme inventive di vita comune,  sempre più necessarie in questa epoca post-pandemica.

Tor Bella Monaca

Tor Bella Monaca (“Torre della Bella Monaca”) si trova nella periferia est di Roma, a 20 chilometri dal centro della città. Purtroppo, il nome poetico del quartiere è fuorviante. Il quartiere è fratturato da un’autostrada e dominato da grigie torri di cemento di 15 piani che incombono su bassi prefabbricati in decadenza.

Il complesso di case popolari R5, Tor Bella Monaca. Foto di Francesco Montillo (2021).

Eppure il complesso residenziale di Tor Bella Monaca è stato costruito in tempi più ottimistici. Nei primi anni ’80, il sindaco Luigi Petroselli vide la creazione di uno dei più grandi complessi di edilizia pubblica in Italia come una soluzione alla crisi abitativa di Roma e al crescente numero di insediamenti illegali nella periferia est. Come altri progetti dell’epoca, fu pianificato come un quartiere autonomo, ma fu costruito troppo in fretta e i servizi di base non furono mai installati. I residenti oggi continuano a vivere in questi edifici mal costruiti e gestiti. L’enorme complesso ospita 30.000 dei residenti più poveri della città ed è infiltrato dalla mafia locale.

Fortunatamente, come molti dei quartieri poveri di Roma, l’attivismo della comunità ha trovato il modo di compensare l’incuria del governo. Carlo Cellamare, professore di Urbanistica all’Università La Sapienza e direttore di LabSU, un laboratorio multidisciplinare di studi urbani, chiama la Roma contemporanea una “città fai-da-te”. A Tor Bella Monaca, i residenti intraprendenti hanno ridato dignità al quartiere rinnovando gli spazi pubblici e le aree verdi. Hanno contribuito a rivitalizzare la comunità riprendendo strutture abbandonate, per portare avanti iniziative sociali e culturali in aree spesso controllate da spacciatori locali. Le donne gestiscono molte delle iniziative più intraprendenti, tra cui Cubo Libro, una piccola biblioteca “pubblica” autogestita e un luogo di incontro, dove i libri riempiono ogni angolo di un edificio a forma di cubo un tempo abbandonato, e La Casa di Alice, fondata da un gruppo di madri che hanno occupato e restaurato un edificio abbandonato, fornisce un luogo sicuro per i bambini per studiare e giocare.

LabSU, creato nel 2015, ha dedicato una notevole ricerca agli abitanti di Tor Bella Monaca e alla vita quotidiana del quartiere. Collabora con organizzazioni di base per sviluppare progetti di rigenerazione, mediando con le autorità pubbliche per ottenere sostegno e finanziamenti. I progetti includono la ristrutturazione della Casa di Alice, un programma di “memoria in movimento” che incoraggia i cittadini a essere orgogliosi della storia del quartiere, e un’iniziativa educativa per qualificare una scuola locale, espandere le attività, migliorare la biblioteca e rinnovare la piazza circostante.

Luca Montuori ha assemblato un team diverso per Tor Bella Monaca, che è stato guidato da Eliana Cangelli, docente di design tecnologico a La Sapienza. Il progetto si concentra sull’imponente complesso residenziale R5, composto da tre edifici a forma di C, ognuno con un proprio cortile interno. L’obiettivo è quello di migliorare le condizioni di vita attraverso una ristrutturazione sostenibile dell’edificio centrale di R5. Si tratta di un intervento cruciale in un edificio dove le condizioni di vita sono difficili: il servizio di filtraggio dell’elettricità e dell’acqua è scarso, l’isolamento degli edifici spesso inesistente e le fogne che si sollevano sono all’ordine del giorno.

La sicurezza dei residenti è un’altra priorità. Gli spazi pubblici sicuri ora sono scarsi, così il cortile buio e deserto favorito dagli spacciatori sarà rimodellato come una zona verde, con giardini e campi da gioco, collegandosi alla campagna attraverso percorsi pedonali. Il piano riattiverà i piani terra con servizi e negozi e fornirà alloggi per disabili e co-housing per i giovani. Migliorerà anche l’accesso sicuro dentro e fuori l’edificio sulla strada principale e aggiungerà prati e piste ciclabili.

Cangelli e il suo team avevano un mese per produrre un progetto che è stato premiato con 15 milioni di euro (il Comune aggiungerà 14 milioni). A causa dei tempi stretti, non hanno potuto coordinare un processo partecipativo con i residenti e le organizzazioni locali, o lavorare con LabSU come mediatore. Anche se il progetto migliorerà certamente le condizioni di vita, rischia di essere percepito come un’iniziativa dall’alto verso il basso che potrebbe lottare per guadagnare la fiducia dei residenti, che non hanno fiducia nelle autorità pubbliche che li hanno trascurati per decenni. “È un progetto per un mondo ideale, ma la realtà qui è molto diversa”, ha detto Maria Vittoria Molinari, presidente del Comitato di quartiere. “Un cortile verde e delle piste ciclabili non risolveranno molto”. I residenti sono più preoccupati per chi gestirà i nuovi locali e gli spazi pubblici, così come per le infiltrazioni criminali e i disordini sociali.

Il mese scorso Roma ha votato a sinistra nelle elezioni locali. Questo potrebbe essere uno sviluppo di buon auspicio sia per Porto Fluviale che per Tor Bella Monaca. Il Comune dovrà presto indire una gara d’appalto per l’esecuzione dei progetti definitivi. Qualunque sia il risultato, il lavoro innovativo dei laboratori delle scuole di architettura potrebbe rivelarsi essenziale per il successo di questi schemi e di quelli sviluppati in futuro.

Immagine in evidenza: Porto Fluviale con Circus Workshop. Collage infografico di Leroy S.P.Q.R.DAM (2021).

Fonte https://commonedge.org/architecture-schools-in-rome-help-reuse-and-renovate-public-housing


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Entra in Cohousing italia!

Iscriviti e conosci altre persone interessate a realizzare forme di abitare collaborativo, quali il cohousing ma anche il coliving e gli ecovillaggi, in Italia ed all'estero.

Cohousing Italia è il social network dell'abitare collaborativo. Mettiamo in contatto tra loro le persone interessate a realizzare cohousing, coliving ed ecovillaggi in Italia ed all'estero.