Cohousing a Roma

A Roma ci sono quasi 3.000 persone interessate al cohousing

2.150+
iscritte su Facebook
150+
iscritte su Whatsapp
50+
iscritte su Telegram
350+
iscritte al Sito Internet

Il nostro progetto per Roma

Rispetto ad altre città italiane, a Roma fino ad ora non si è sviluppato il cohousing per una serie di motivazioni che abbiamo descritto nella nostra Guida al Cohousing. Abbiamo articolato il nostro progetto per realizzare cohousing a Roma e provincia in diverse opzioni. Quella a cui abbiamo assegnato la massima priorità è quella che vi descriviamo.

cohousing pubblico

Il nostro progetto è di realizzare cohousing in immobili pubblici (abbandonati, sequestrati alle mafie o sottoutilizzati) unendo la funzione abitativa a quella sociale. Il cohousing non deve rivolgersi solo a fasce di popolazione disagiate ma a tutti i cittadini che sono interessati a questo tipo innovativo di abitare. Deve essere luogo di integrazione sociale, multigenerazionale, multiculturale, senza distinzione tra abili e disabili né tra persone con redditi capienti o incapienti. Ma allo stesso tempo il cohousing deve essere un centro di attivazione sociale territoriale. Gli spazi ed i servizi dei cohousers devono essere condivisi anche con i cittadini del territorio in cui il cohousing si insedia per fornire servizi collettivi protetti. Qualora il cohousing sia all’interno di aree protette e parchi verrà fornito anche il servizio di apertura e chiusura dell’area.

Promuoveremo come Ente del terzo settore la co-progettazione con gli Enti Pubblici attraverso patti di collaborazione complessi finalizzati ad ottenere gli immobili in concessione gratuita almeno trentennale. Questo tipo di concessione garantisce un ROI (return on investment) elevato che permette all’Ente del Terzo Settore di finanziare la ristrutturazione dell’immobile in modo autonomo con capitale di rischio fornito da investitori attraverso portali istituzionali di equity crowdfunding. Dopo una prima fase in cui la remunerazione avverrà attraverso lo sconto fiscale del 30% previsto dalla legge, gli investitori verranno remunerati con gli importi della locazione di unità abitative e di unità commerciali annesse al cohousing. Proporremo questo modello a tutti gli enti pubblici di Roma e provincia.

cohousing e coliving privato

Come seconda opzione cercheremo terreni ed immobili adatti alla realizzazione di cohousing privati da acquistare o da affittare da parte dei partecipanti. E come terza opzione cercheremo immobili adatti alla realizzazione di coliving privati da affittare da parte dei partecipanti.

Entra in Cohousing italia!

Iscriviti e conosci altre persone interessate a realizzare forme di abitare collaborativo, quali il cohousing ma anche il coliving e gli ecovillaggi, in Italia ed all'estero.

Cohousing Italia è il social network dell'abitare collaborativo. Mettiamo in contatto tra loro le persone interessate a realizzare cohousing, coliving ed ecovillaggi in Italia ed all'estero.